elenco strategie didattiche

Breve e semplice guida all’uso delle farine: tutti i tipi di…, Biscotti per cani fatti in casa: semplici e veloci, Google DOWN – oggi Youtube, Gmail, Calendar, Maps e tutti i…, Segnaletica di sicurezza da stampare (Covid19) – per Istituti Alberghieri (sala…, Segnaletica di sicurezza da stampare (Covid19) – per Istituti Alberghieri (cucina), LA SCUOLA RIAPRE – vignette indicative (aggiornamento 14 settembre 2020), “E tu a chi appartien?” storia dei cibi e dei loro…, BONUS PC 200 di 500 euro: come ottenerlo ed a chi…, Decreto Ristori: tutto quello che c’è da sapere, La tradizione strizza l’occhio al gourmet, Obbligo scolastico ed Obbligo formativo: differenze e normative. Forno statico e forno ventilato: come si usano? La Peer Instruction non è particolarmente diffusa nella scuola tradizionale italiana, soprattutto perché il tempo che si ha a disposizione in classe è limitato; si inquadra invece perfettamente nell’ottica del modello Flipped Classroom in cui il tempo scolastico, liberato dalle spiegazioni frontali, risulta indubbiamente aumentato. LEARNING BY DOING STRATEGIE DIDATTICHE INNOVATIVE DEFINIZIONE: apprendimento attraverso il fare, attraverso l’operare, attraverso le azioni.. OBIETTIVI: Gli … quindi l’interazione e le capacità critiche degli studenti. stimonia lo stesso Mazur, durante una conferenza tenuta nel 2013 alla Facoltà di Medicina presso la Harvard University, le sue lezioni di  fisica prevedono. Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Gli studenti ponderano sulla domanda in silenzio e trasmettono la propria risposta tramite un clicker*. Attualmente esistono delle strategie didattiche innovative che mirano a migliorare l’apprendimento e a favorire una vera e propria inclusione di tutta la classe nel corso delle lezioni ma, purtroppo, a causa … METODOLOGIA Scuola dell’infanzia La scuola dell’infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti … Strategie didattiche (A. Calvani) La didattica si preoccupa essenzialmente di prospettare, allestire, gestire "ambienti di apprendimento1" vale a dire particolari contesti che vengono corredati di specifici … Le metodologie didattiche attive più efficaci si realizzano in un’ambiente di apprendimento ove è presente uno stile relazionale flessibile, … Ristorazione con Ruggi utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare la tua esperienza sul nostro portale. ¥ Strategie di apprendimento e comportamento strategico 13 deve restare ferma lÕintenzione di ridurre al minimo il sacrificio (in ambito bellico la perdita di vite umane, in ambito aziendale la spesa, in … Ovviamente l’uso dei clickers non è indispensabile: spesso, anche lo stesso Mazur, suddivide la classe in piccoli gruppi di studenti, i quali devono, all’interno del gruppo, discutere e proporre risposte alle domande dell’insegnante. Un formatore può ad esempio preparare brevi video di 2030 secondi l’uno, ognuno con un messaggio ben preciso e diverso dall’altro peer poi farli vedere in classe in vari momenti. Procedere ad osservazione e valutazione sistematiche per individuare altre abilità necessarie. Non lo sai? Nelle scuole italiane si tende sempre più spesso a lavorare con un approccio problem solving, soprattutto per andare in contro alla nuova idea di. studenti ponderano sulla domanda in silenzio e trasmettono la propria risposta tramite un clicker*. *[Il clicker è un piccolo telecomando in grado di trasmettere la sequenza dei tasti premuti ad un computer cui è collegato un ricevitore]. Interessante quando occorre trasmettere determinate “educazioni” come quella alla salute, oppure quella alla legalità. La Peer Education (letteralmente educazione tra pari) rappresenta una strategia educativa volta ad attivare un processo spontaneo di trasmissione di conoscenze e di esperienze da parte di alcuni membri di un gruppo ad altri membri di pari stato, ovvero di pari età, pari condizioni sociali ecc… La Peer Education è tra le strategie didattiche un intervento che aziona un processo di comunicazione globale, ponendo in sintonia i soggetti coinvolti, talvolta anche definito momento transferiale intenso. Se vuoi saperne di più leggi l'informativa. obiettivi educativi da conseguire, in termini di conoscenze, competenze e capacità. Con un’accezione più scolastica, si parla solitamente di Peer Instruction, un metodo sviluppato dal professore Eric Mazur per il suo corso di  fisica presso la Harvard University, nei primi anni ’90, il quale adottò un approccio profondamente simile al modello Flipped Classroom. La tipica lezione frontale … Si basa  sull’individuazione di  uno specifico  problema  e  sulla  sua, Si tratta di una strategia molto utile per affrontare argomenti di natura interdisciplinare e deve sempre essere attenta ai diversi stili di apprendimento degli allievi (. Il filosofo Karl Popper sostiene che la ricerca scientifica consiste nel. Trovo in ciò che faccio sempre nuovi spunti, lavoro con la creatività e continuo a formarmi guardando il mondo attraverso gli occhi dei miei studenti. Molto interessanti gli argomenti trattati, Grazie Iolanda per in feedback positivo! D’altra parte, se gli studenti più preparati pensano che non sia necessaria l’esposizione ai compagni si sbagliano: la completa padronanza di un argo. Ogni studente, nelle verifiche, dovrà dimostrare personalmente quanto ha imparato. Viene costituito un vero e proprio gruppo di formatori che integrano le diverse competenze; metodo Mastery Learning = vengono formulati obiettivi specifici e personalizzati per rafforzare le conoscenze del discente; strategie centrate sul discente e sull’apprendimento = chiamate anche. … RISORSE CONSIGLIATE PER TE: I 6 KILLER DELL’ATTENZIONE IN CLASSE. il gruppo lavorino in modo interattivo, verificando gli uni con gli altri la catena del ragionamento, le conclusioni, le difficoltà e scambiandosi riscontri. Anche negli Stati Uniti, da sempre all’avanguardia, negli ambienti. In questo articolo proseguiamo il discorso sulle strategie didattiche innovative che possono favorire il processo insegnamento-apprendimento che, come ho accennato prima, rispetto ai metodi europei, … Come avviene per le metodologie, anche gli strumenti devono essere attentamente analizzati tenendo in considerazione il soggetto fruitore ed il contesto:In questo caso occorrerà analizzare: Ripeto, vanno analizzati ed utilizzati attentamente perchè gli strumenti didattici potrebbero anche portare ad un esito negativo in quanto troppo difficili da usare. Elenco degli Istituti ... Strategie didattiche dell'alternanza scuola-lavoro . Innanzitutto, come avviene per le altre metodologie, c’è una fase preparatoria: il formatore condivide con gli studenti materiale di studio (. Ovviamente ho elaborato una sintesi delle diverse metodologie (. Per quanto riguarda l’insegnante, l’apprendimento cooperativo consiste in un insieme di tecniche di conduzione della classe, in cui gli studenti lavorano in piccoli gruppi, suddivisi per attività di apprendimento comuni, e ricevono valutazioni in base ai risultati conseguiti, sia singolarmente che dal gruppo. Strategie didattiche parola troppo spesso generica e priva di riferimenti precisi, ma quali sono davvero quelle che la scienza e la ricerca reputa le migliori in qualsiasi contesto scolastico? Tempo di lettura: 9 minuti La trasformazione del sistema formativo. Anche in ambito storico e militare, lo “stratega” era il condottiero che elaborava uno schema di combattimento, … La Didattica Laboratoriale, è tra le strategie didattiche più attiva attiva e centrata sullo studente, basata sulla co-costruzione delle conoscenze che, procedendo per problemi e per ricerca, porta all’elaborazione di un prodotto, cognitivo o materiale. . Questo trasferimento di conoscenze aiuta, sia chi trasmette che chi riceve, a memorizzarle in modo persistente. obiettivo comune. IN CLASSE CON BAMBINI DSA: 21 CONSIGLI PER AIUTARLI AL MEGLIO. FINALITA’: Affinare le strategie per imparare a risolvere problemi ... • creare un elenco di problemi • selezionare ... POSSIBILI CORSI SU TEMATICHE DIDATTICHE INNOVATIVE Sviluppo di pagine … Solitamente si abbina anche piccolo modulo di verifica. ai vari domini, alla propria esperienze didattiche etc, hanno concluso il corso. Innanzitutto spazio agli studenti: pochi banchi, sedie comode, diverse postazioni (ad esempio per la lettura o per le video-conferenze), spazio cineforum, si può ascoltare musica….. Una metodologia che unisce apprendimetno e servizio per la comunità. Pedagogista, Insegnante specializzato, Formatore, Padre di Marco, Autore, Blogger. Le sperimentazioni di questo metodo, attualmente in uso in Italia prevalentemente nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, evidenziano diversi vantaggi. Ovviamente occorre utilizzare spazi e macchinari specifici a seconda dell’attività ed è possibile lavorare in gruppo od individualmente. di ulteriori spiegazioni, entrambe le parti coinvolte accrescono notevolmente il loro livello di apprendimento. Paul Kelley ha pensato di trasportare le scoperte di Fields alla didattica, ideando la teoria dello Spaced Learning, o apprendimento intervallato. I tre momenti di input consistono, nell’ordine, a dimostrare di aver compreso l’argomento svolgendo un compito, applican. Si evince un aumento dell’autostima personale e quindi un maggior benessere psicologico. Strategie organizzative per la gestione della classe . I tre momenti di input consistono, nell’ordine, di: Presentazione, da parte del docente, delle … Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. Un lavoro di gruppo si considera Cooperative Learning quando è caratterizzato dai seguenti elementi, evidenziati da Fiorino Tessaro: STRATEGIE DIDATTICHE, STRATEGIE DIDATTICHE, STRATEGIE DIDATTICHE, STRATEGIE DIDATTICHE. E’ davvero bello sapere che ci sono docenti che gesticoscono l ‘ apprendimento in una maniera dinamica .A mio avviso la chiave per far apprendere i bambini ,i ragazzi è proprio quella di non rendere l’ ambiente pesante ,asettico . rispondono correttamente dopo la fase di discussione: la vera e propria attività di Peer Instruction. Si tratta di dispositivi che il formatore utilizza e che svolgono il compito di mediatori dell’apprendimento. Ovviamente l’uso dei clickers non è indispensabile: spesso, anche lo stesso Mazur, suddivide la classe in piccoli gruppi di studenti, i quali devono, all’interno del gruppo, discutere e proporre risposte alle, Instruction non è particolarmente diffusa nella scuola tradizionale italiana, soprattutto perché il tempo che si ha a disposizione in classe è limitato; si in, quadra invece perfettamente nell’ottica del modello Flipped Classroom in cui il tempo scolastico, liberato dalle spiegazioni frontali, risulta indubbiamente, È bene far notare che, l’idea che la Peer Instruction aiuti solamente gli studenti in difficoltà, a scapito di quelli più preparati, è assolutamente infon, Durante lo scambio di informazioni, infatti, che solitamente avviene dacoloro che hanno compreso meglio gli argomenti verso coloro che necessitano. Questo metodo è stato spesso criticato dal momento che è basato sul modello dell’insegnante come depositario della conoscenza e dell’allievo come ricettore passivo, che osserva e imita, impegnato ad ascoltare con quanta più attenzione possibile. Spesso, afferma Mazur, gli studenti che hanno risposto in modo errato al primo tentativo. elenco di strategie didattiche correlate agli otto principi, identificate da lettere (ad esempio 1A, 1B). Questa sitesi può tuttavia ampliare il processo didattico. Il Problem Solving, sul piano didattico, è un approccio teso a sviluppare l’abilità nella risoluzione di problemi, dal punto di vista psicologico, comporta mentale ed operativo, spendibile in ogni ambito, nonostante solitamente venga associato alle abilità logico matematiche di risoluzione dei problemi è tra le strategie didattiche la più conosciuta ma paradossalmente la meno utilizzata. Come te-stimonia lo stesso Mazur, durante una conferenza tenuta nel 2013 alla Facoltà di Medicina presso la Harvard University, le sue lezioni di  fisica prevedono un pubblico già preparato sull’argomento che verrà affrontato, permettendo all’insegnante di porre loro una precisa domanda, a risposta multipla. Caro prof,cerco di fare molto autoaggiornamento anche attraverso il suo blog e pagina facebook e quando trovo qualcosa che ho scoperto da solo mi sento autorizzato ad aggiustare il tiro alle strategie che utilizzo e renderle più coerenti .Mi è successo di preparare ,l’anno scorso,delle lezioni ,in quinta primaria,farle sviluppare ai bambini,proiettare una videolezione alla lim,io stavo in disparte ed evitavo di fare da catalizzatore dell’attenzione,insomma osservavo gli alunni che lavoravano e argomentavano da soli, senza che gli interventi passassero da me,neanche attraverso il contatto visivo,per esempio da soli hanno imparato le potenze in matematica.Era un piacere vederli interagire e prendersi sul serio e centrati sul compito.Le domande e le risposte le veicolavano tra di loro,in pratica non sono intervenuto per nulla.Ieri ad un corso di formazione mi è stato detto che non stavo attuando la peer education,perchè è improponibile a bambini di quell’età,semmai stavo usando il tutoraggio.Invece secondo me non avrò attuato la strategia suddetta in modo metodico,ma di fatto loro stessi hanno portato avanti l’argomento delle potenze e io veramente ne sono rimasto fuori ,in fase apprenditiva.Ho solo proposto come stimolo iniziale,un problema e una videolezione.Il problema stimolo ovviamente l’hanno risolto a fine percorso quando hanno capito il concetto di potenza,ma intanto avevano iniziato a fare ipotesi.In sintesi in una quinta primaria l’apprendimento tra pari è davvero improponibile?Fermo restando che come l’intendo e attuo ho verificato che funziona.Evidentemente formalmente non va bene,allora come chiamo la mia strategia didattica?.Saluti. Gli studenti che presentano dubbi di qualsiasi genere sono più coinvolti se la spiegazione avviene da parte di studenti al loro pari, piuttosto che dall’insegnante, pertanto sono più disinvolti nel porre le domande che li aiuterebbero a raggiungere una comprensione completa. STRATEGIE DIDATTICHE, STRATEGIE DIDATTICHE, STRATEGIE DIDATTICHE, STRATEGIE DIDATTICHE . Si tratta di assegnare ad un’aula una specifica funzione. Durante lo scambio di informazioni, infatti, che solitamente avviene dacoloro che hanno compreso meglio gli argomenti verso coloro che necessitano di ulteriori spiegazioni, entrambe le parti coinvolte accrescono notevolmente il loro livello di apprendimento. capacità, la leadership, la comunicazione, il prendere decisioni ed il difenderle, la gestione dei confiitti nei rapporti interpersonali. SCOPRI IL CORSO DELLA TECNICA DELLA SCUOLA SULLE METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE E ATTIVE Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni. I campi obbligatori sono contrassegnati *, Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina. Ristorazione con Ruggi è un portale web nato tra i banchi di scuola dalla mente di un insegnante di Enogastronomia: ricette, news, approfondimenti, schemi e mappe concettuali, video e tanto altro direttamente dal mondo della scuola. Capita spesso che il discente, per diversi motivi, usi con scarso entusiamo ad esempio il PC, ritenendolo troppo difficile da utilizzare portando addirittura ad un rifiuto. Se hai voglia di confrontarti con me contattami pure sulla mia pagina Facebook: DIDATTICA PERSUASIVA. Strategie didattiche innovative (DAD) - Sessione 4 Future Labs ISIS Valdarno Oggetto: Calendario corso ed elenco partecipanti La presente per comunicare che le SS.VV. Per quanto riguarda l’insegnante, l’apprendimento cooperativo consiste in un, Le sperimentazioni di questo metodo, attualmente in uso in Italia prevalentemente nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, evidenziano. Per farlo utilizzerà metodi, strategie, strumenti: Possiamo quindi considerare che metodologie, strategie e strumenti permettono atteggiamenti attivi, la creazione di attività collettive e non sempre individuali e permettono di far propri i contenuti (. L’idea semplificata di fondo è che le cellule del nostro cervello si accendono e si collegano tra loro a seconda della stimolazione inviata. Riprogettandole ed allestendole in base alla specifica attivitàdisciplina a cui essa è stata assegnata. Ecco quindi le strategie utilizzate nella scuola italiana moderna: Save my name, email, and website in this browser for the next time I comment. Anche in questo caso il lettore è invitato a considerare quanto già utilizza queste strategie nel proprio lavoro … Metodologie, strategie e strumenti didattiche: quali sono e come si usano, Fa la tua parte Scarica APP IMMUNI clicca per saperne di più. È stato inoltre dimostrato che il Cooperative Learning approfondisce le capacità di comprensione e rende i contenuti appresi più significativi e persistenti in memoria. La scoperta più sorprendente sta nel fatto che se la stimolazione è continua allora la cellula non si accende, la stimolazione deve pertanto essere separata da intervalli: i cosiddetti brain breaks. L’insegnamento viene processato innanzitutto attraverso le metodologie della comunicazione: La  scelta del metodo e degli strumenti  dipende: Ecco un elenco delle metodologie didattiche più utilizzate oggi (, Se sei un insegnante, non scoraggiarti. Solo dopo aver diagnosticato, il formatore può scegliere come affrontare il percorso didattico. do capacità di ragionamento e pensiero critico. Insegnante di Enogastronomia, Blogger, sistemista freelance. Leonardo Povia" Pedagogista e Insegnante di ruolo specializzato. È stato inoltre dimostrato che il Cooperative Learning approfondisce le capacità, Education è tra le strategie didattiche un intervento che aziona un processo di comunicazione globale, ponendo in sintonia i soggetti coinvolti, talvolta anche definito momento, Con un’accezione più scolastica, si parla solitamente di Peer Instruction, un metodo sviluppato dal professore Eric Mazur per il suo corso di  fisica, presso la Harvard University, nei primi anni ’90, il quale adottò un approccio profondamente simile al modello. Se hai voglia di confrontarti con me contattami pure sulla mia pagina Facebook: Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. L’insegnante controlla poi l’istogramma delle risposte date, fornite automaticamente dal proprio computer, e valuta tali, Se buona parte degli studenti ha scelto la risposta sbagliata, allora l’insegnante li esorta a discuterne per qualche minuto con il proprio vicino. In primo luogo, tutti gli studenti lavorano più a lungo e con risultati migliori, accrescendo la propria motivazione intrinseca e sviluppando capacità di ragionamento e pensiero critico. In aggiunta, il trasferire contenuti a coloro che non li sanno, piuttosto che ad un insegnante che li conosce, richiede. sono state ammesse al corso Strategie didattiche … Naturalmente la gamma di campi di applicazione delle strategie … Mi riservo più avanti di scrivere per ogni metodologia, un post dedicato. Esistono varie classificazioni dei metodi. metodi affermativi = il formatore chiede all’allievo l’emulazione per favorire la conquista della verità; metodi interrogativi = il formatore sviluppa un dialogo profondo con i suoi allievi, guidandolo nel ragionamento; metodi attivi =  il formatore fornisce un supporto ma è il discente che, atttraverso la propria attività, scopre autonomamente; metodi permissivi = il formatore fornisce esclusivamente materiali. Strategie didattiche per promuovere l’apprendimento. Nessuno è migliore di un altro così come nessun metodo è migliore di un altro: possono essere utilizzati per diverse mission. La Tecnica della Scuola ... Stumenti, metodologie didattiche … Sar… Questa tecnica, oltre a favorire la memorizzazione delle informazioni da parte degli studenti, diminuisce, talvolta, i problemi di disciplina, anche se è alto il rischio di confusione nei momenti di intervallo. Leonardo Povia. Buone cose. 3. La spiegazione è il metodo standard della lezione. Google DOWN – oggi Youtube, Gmail, Calendar, Maps e tutti i... Clicca qui per verificare il tuo Codice Fiscale, ORIGINAL MARINES: posti di lavoro in 24 nuovi negozi, dai ritmi d’apprendimento dei singoli allievi. strategie di apprendimento Quali inserire nella didattica integrata? 1. cambiamenti necessari per migliorarne l’efficienza. Innanzitutto occorre definire cosa vuol dire, Il docente deve effettuare uno screening (. attività fisiche, l’importante è che fungano da distrazioni per gli studenti. Questa strategia permette di valorizzare le competenze dei singoli e del gruppo. STRATEGIE DIDATTICHE INNOVATIVE. Il docente, oggi ancora più di ieri, è chiamato ad essere MEDIATORE dei processi dell’apprendimento, Il gioco favorisce rapporti attivi e creativi (cognitivi e relazionali) e consente di trasformare la realtà secondo le esigenze interiori del discente. Dunque, con le innumerevoli strategie  didattiche praticabili e la completa autonomia della gestione del tempo classe da parte dell’insegnante, sarà possibile personalizzare la didattica  in base agli interessi ed alle attitudini di chi apprende, potenziando i migliori e recuperando gli studenti in difficoltà, anche con l’aiuto dei più bravi. IL TRATTAMENTO DELLA DISORTOGRAFIA IN ETÀ EVOLUTIVA. In queste letture, a volte, le parole “metodi”, “strategie”, “metodologie”, accompagnate dall’aggettivo “didattiche”, si confondono tra loro e con la parola “tecniche”, che, a sua volta, viene indifferentemente … Fields ed il suo gruppo di ricerca hanno dimostrato che occorrono interruzioni di dieci minuti fra una stimolazione e l’altra anché le cellule si accendano e si costruisca la memoria a lungo termine. Si tratta di una metodologia  che  favorisce la cooperative learning e lo sviluppo di competenze trasversali, che gli inglesi chiamano “, La sigla sta per Inquiry Based Science Education ovvero. È bene far notare che, l’idea che la Peer Instruction aiuti solamente gli studenti in difficoltà, a scapito di quelli più preparati, è assolutamente infondata. LE CARATTERISTICHE DEL BAMBINO CON DISLESSIA. Questo trasferimento di conoscenze aiuta, sia chi trasmette che chi riceve, a memorizzarle in, Un tale metodo, applicato a scuola, permette allo studente di sviluppare capacità di valutazione e di giudizio obiettivo, insegnandogli a risolvere gra. Spesso, afferma Mazur, gli studenti che hanno risposto in modo errato al primo tentativo, rispondono correttamente dopo la fase di discussione: la vera e propria attività di Peer Instruction. Strategie e risorse per una didattica inclusiva> Organizzazione didattica generale • Progettando un modello di organizzazione didattica flessibile e aperto, con momenti di compresenza e contitolarità e con classi aperte • Utilizzando tutte le strategie didattiche … quanto tutti i membri del gruppo riconoscono l’importanza dell’apporto di ciascuno e sviluppano così spirito di squadra. Si personalizza un determinato percorso, garantendo quindi il ruolo primario degli studenti che sono chiamati a svolgere attività sociale molte volte legate alla natura dell’istituzione scolastica (, Una metodologia che rispecchia il proprio nome. didattica per competenze, di cui si discuterà meglio successivamente. Una simile organizzazione del lavoro porta lo studente ad acquisire un apprendimento di tipo specialistico, perché egli agisce concretamente, operando in prima persona, e scopre qualcosa di nuovo grazie alle esperienze con cui viene messo a contatto. Javascript required for this site to function. Ho dimenticato a dire che la lezione l’ha portata avanti tutto il gruppo classe,16 alunni,e si sono autoorganizzati mantenendo il grande gruppo.Alla fine hanno risolto il problema e tutti conoscevano la struttura elementare della potenza,ne conoscevano i termini e la sapevano calcolare,15 su 16.Di cui uno con sostegno,l’altra con sostegno si trovava e si troverà in una scuola che non riesce a far emerge e valorizzare e soprattutto a valutare i suoi talenti.Spero che la scuola possa cambiare per valorizzare tutti anche chi come questa mia splendida exalunna non riesce ad imparare le potenze ma che ha collaborato affichè tutti l’imparassero. dell’apprendimento. L’insegnante controlla poi l’istogramma delle risposte date, fornite automaticamente dal proprio computer, e valuta tali risposte. In un contesto laboratoriale, l’insegnante segue gli studenti nel percorso che li porta all’elaborazione del progetto prestabilito, incoraggia, indirizza e risponde alle domande, fornendo, se richiesto, lezioni mirate ed approfondite.

Lettere In Francese, Davide Marra Twitch, Climatizzatore Daikin Sensira 12000 Btu, Nazionali Europei 2020, Lettera Avvocati A Conte, Nuovi Aerei Militari Italiani, Pinacoteca Di Brera Gratis, Nuovo Stadio Albinoleffe Capienza,